Tu sei qui

Water Safety Plan

 

WATER SAFETY PLAN: CONTROLLI HIGH TECH PER UN’ACQUA ANCORA PIÙ SICURA

Analisi calibrate sulle caratteristiche della risorsa idrica del territorio. 
Preziose collaborazioni con l’Istituto Superiore di Sanità e la Scuola Sant’Anna di Pisa.

Rendere ancora più sicura l’acqua di rubinetto, ridisegnando il settore dei controlli con un modello basato su un sistema globale, che si prenda cura della risorsa idrica dal punto di captazione fino all’utenza finale. È la missione del Water Safety Plan, e da oggi anche di Acque SpA, tra i primi gestori in Italia a sposare il modello introdotto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e recepito poi dalla normativa europea. L’iniziativa è stata presentata ufficialmente lunedì 6 novembre, presso l’Auditorium di Palazzo Blu a Pisa, alla presenza, tra gli altri, di Giuseppe Sardu e Paolo Saccani, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Acque SpA, e del direttore del Reparto igiene acque interne dell’Istituto Superiore di Sanità, Luca Lucentini.

L’approccio del Water Safety Plan (WSP) sposta l’attenzione dall’analisi sulle acque distribuite alla prevenzione e alla gestione dei rischi lungo tutta la filiera idropotabile. Il WSP consente di fare un passo avanti rispetto alla prassi delle analisi basate sul rispetto dei parametri attinenti alla sicurezza microbiologica, fisica e chimica della risorsa: permette di basare la garanzia della qualità delle acque non su criteri retrospettivi, quanto sulla prevenzione/riduzione della contaminazione della risorsa idrica, sull’eliminazione/riduzione di potenziali agenti di pericolo e sulla prevenzione di ri-contaminazioni nella fase di distribuzione e consumo.

Con il supporto dell’Istituto di Management della Scuola Sant’Anna di Pisa, Acque Spa ha deciso quindi di intraprendere un progetto sperimentale di implementazione del modello WSP in tre sistemi idrici del territorio (Empoli, Montopoli in Val d’Arno e Villa Basilica), scelti per le differenti caratteristiche e le diverse modalità di accesso alla risorsa. L’obiettivo di Acque, per il futuro, è una mini-rivoluzione nella filiera di controllo dell’acqua potabile, per garantire oltre alle già assicurate caratteristiche di puntualità, accuratezza e continuità delle analisi, anche l’assoluta specificità della mappatura e della valutazione degli eventuali pericoli, calibrata sulle peculiarità della risorsa del territorio, anche grazie al dialogo con tutti gli stakeholder interessati.

Seminario: "Water safety plan: innovazione e sostenibilità nella filiera idrica"
Pisa - 6 novembre 2017

 l'invito

 

 

Uffici al pubblico

Sportelli, PuntoAcque e PuntoPiù: dove e quando.


GUASTI - INTERRUZIONI

Da fisso e mobile, attivo 24h/24

 

Scrivici

Comunica direttamente
con noi.


PRATICHE

Da fisso, attivo dal Lun-Ven: 9-18; Sab 9-13

 

Richieste reclami istanze

Tutta la modulistica per richieste, contestazioni o reclami.


PRATICHE

Da mobile*, attivo dal Lun-Ven: 9-18; Sab 9-13

(*) costo dipendente dal gestore