Tu sei qui

WWD 2016

EVENTI ACQUE SPA 2016


GIORNATA MONDIALE DELL'ACQUA
La carenza di acqua potabile è una emergenza mondiale e in alcune aree del pianeta è una vera e propria catastrofe. Per questo è necessario creare occasioni per riflettere sull’acqua, per imparare qualcosa di nuovo, per ricordare a tutti quanto sia fondamentale per la nostra vita e per quella del pianeta. Per provare, tutti insieme, a fare la differenza.
La Giornata Mondiale dell'Acqua - in inglese World Water Day - è stata proclamata per la prima volta nel 1993 dall'Assemblea delle Nazioni Unite, con l'obiettivo di porre un rispetto internazionale nei confronti dell'acqua. Da allora, si celebra ogni anno il 22 marzo sviluppando un tema specifico su cui richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica.
Nel 2015 il tema è stato "acqua e sviluppo sostenibile"; quest'anno è "acqua e lavoro".
Come ogni anno, anche Acque SpA aderisce alla Giornata Mondiale dell'Acqua con un programma di eventi e iniziative.

ACQUA E LAVORO
Oggi, quasi la metà dei lavoratori del mondo - 1,5 miliardi di persone - lavora in modo diretto o indiretto in settori legati all'acqua. Ma praticamente ogni lavoro oggi dipende dalla disponibilità d'acqua.
Eppure, a milioni di persone che lavorano con questa risorsa spesso non vengono riconosciuti basilari diritti o non ricevono sufficiente protezione. Il tema nel 2016 - l'acqua e l'occupazione - ha dunque come obiettivo quello di dimostrare come l'accesso all'acqua, in quanità e qualità sufficienti, può cambiare in meglio la vita e lo stile di vita dei lavoratori e, più ingenerale, trasformare l'economia e la società in cui viviamo.

10 COSE DA SAPERE

  • Un miliardo e cento milioni di persone, più o meno un sesto della popolazione mondiale, non ha accesso ad acqua sicura e 2 miliardi e 400 milioni non dispone di impianti igienici adeguati.
  • Ogni giorno, circa 6.000 bambini muoiono per malattie causate da acqua inquinata, da impianti sanitari e da livelli di igiene inadeguati.
  • Si stima che acqua non potabile e impianti igienici inadeguati siano all'origine dell'80% di tutte le malattie presenti nel mondo in via di sviluppo.
  • Lo sciacquone della toilette in un paese occidentale impiega una quantità d'acqua equivalente a quella che, nel mondo in via di sviluppo, una persona impiega per lavare, bere, pulire e cucinare nell'arco di un'intera giornata.
  • Nel corso del secolo scorso l'uso dell'acqua è aumentato del doppio rispetto al tasso di crescita della popolazione.
  • Il Medio Oriente, il Nord Africa e l'Asia meridionale soffrono di carenze idriche croniche.
  • Nei Paesi in via di sviluppo fino al 90% delle acque reflue viene scaricato senza subire alcun genere di trattamento.
  • Il pompaggio intensivo delle acque freatiche per ricavare acqua ha fatto sì che in numerose regioni i livelli dell'acqua siano diminuiti di decine di metri, costringendo le persone a bere acqua di qualità scadente.
  • Nei Paesi in via di sviluppo le perdite di acqua causate da dispersioni, allacci illegali e sprechi ammontano a circa il 50% dell'acqua da bere e al 60% dell'acqua irrigua.
  • Nel corso degli anni '90 le inondazioni hanno interessato più del 75% di tutte le persone colpite da disastri naturali, causando più del 33% del totale dei costi stimati per i disastri naturali.

 

Uffici al pubblico

Sportelli, PuntoAcque e PuntoPiù: dove e quando.


GUASTI - INTERRUZIONI

Da fisso e mobile, attivo 24h/24

 

Scrivici

Comunica direttamente
con noi.


PRATICHE

Da fisso, attivo dal Lun-Ven: 9-18; Sab 9-13

 

Richieste reclami istanze

Tutta la modulistica per richieste, contestazioni o reclami.


PRATICHE

Da mobile*, attivo dal Lun-Ven: 9-18; Sab 9-13

(*) costo dipendente dal gestore